<$BlogRSDURL$>

Friday, January 16, 2004

Stamattina ho accompagnato i miei figli a scuola. ERRORE. Mai rompere la routine dei bambini. Se è il papà che li accompagna e che ogni mattina li lascia sorridenti in classe, così deve essere e basta.
Ma per una volta che mamma può, la gioia e l'eccitazione si trasformano in disperazione al momento del distacco; l'improvvisa consapevolezza che mamma può solo ogni tanto si concentra tutta nel momento del bacino ed erompe in un solo urlo (anzi, due separati all'unisono - mai dimenticarsi di rispettare le singole individualità, se hai dei gemelli). Così sono uscita dall'asilo lasciandomi dietro 4 manine tese che cercavano di riacchiapparmi e 4 occhi che spruzzavano lacrime strazianti.
B***rdi!! Tanto lo so che fra due minuti giocherete tranquilli e a me non penserete più. Tanto lo so che a 18 anni mi darete il vattene e dei miei bacini avrete imbarazzo...
Quindi me ne esco dall'asilo senza sensi di colpa, per bilanciare quando voi ve ne andrete di casa lasciando me sulla porta con le mani tese ed imploranti.

Poi accompagno Marta, la quale con occhio ansioso ogni due passi mi chiede "mamma, quanto tempo ho?".
Mi sorge il dubbio che il papà la mattina esca sempre in ritardo. Mi faccio un'esame di coscienza e capisco che è ora che mamma si alzi un po' prima la mattina (sigh!)

Comments:

Post a Comment

This page is powered by Blogger. Isn't yours?