<$BlogRSDURL$>

Saturday, April 03, 2004

Di vite, io lo so, ce n'ho mille.
C'è la mia vita e poi ci sono le altre che non hanno avuto una chance di trasformarsi da intuizione a realtà.
Embrioni abbozzati e poi abortiti, schizzi tracciati con l'inchiostro simpatico e perciò mai colorati.
Per fortuna non si vedono le mille vite che potrei aver vissuto.

Oggi ne ho incontrata una, tra le mura di una chiesa.
L'ho riconosciuta. Nell'odore di muffa, tra gli escrementi dei piccioni, sotto le vertigini dei soffitti scrostati, ci siamo sfiorate incerte, il calore speciale della complicità e la devastante nostalgia degli amanti divisi.
Aaaah, che male!! E' stato un attimo, ma il dolore è ancora intenso.

In un pertugio, per terra, tra lo sporco, c'era una scarpa abbandonata. Una specie di ciabatta. Una. Sola. Con la punta, come va di moda adesso. Quella però era molto vecchia.
E io lo so che sono sciocca ma ho pensato "forse era mia..."
Nota: che non ci si azzardi a contraddirmi chiamandomi cenerentola!!! :-)

Comments:

Post a Comment

This page is powered by Blogger. Isn't yours?