<$BlogRSDURL$>

Tuesday, October 12, 2004

Succede così.

- che la maestra dice ai tuoi figli che andranno a fare la castagna, poi in una fattoria a vedere gli animali e a montare i cavalli, a mangiare il gelato fatto col latte appena munto e poi pure a fare un giro sulle giostre
- che i tuoi figli tornano a casa tutti eccitati e ti raccontano quanto sopra. E a te ti suona un campanellino d'allarme perchè sembrano dare per scontato che tu sarai là a fare tutto quanto sopra con loro
- che poi capisci perchè ti era suonato quel campanellino d'allarme, quando la maestra il giorno dopo ti informa con una circolare, quindi indirettamente, codarda!, che: 1) alla castagnata possono partecipare solo i bimbi accompagnati da un genitore; 2) la castagnata si tiene martedì (notoriamente giorno festivo in tutti gli uffici della Lombardia - stronzi, stronzi e stronzi); 3) la castagnata costa 18.50 euro a bimbo + 6 euro per l'adulto (totale per noi: 43 euri)

43 euri per scoprire che:

- per gli adulti costava solo 6 euro perchè il pranzo dei genitori non era incluso (io unica senza zainetto attrezzato di panini - che fame !)
- mannaggia a me che non ho dato retta a mia madre che da agosto mi rompe che vuole comprare ai bimbi le giacchette di mezza stagione col cappuccio - e che anzi l'ho presa pure in giro per le sue fissazioni da nonna (Giacomo e Davide erano gli unici senza kway - sotto la pioggia)
- adoro andare in pulman e vedere dall'alto e dai finestrini grandi il panorama che scorre. Mi ricorda le gite scolastiche, i canti a squarcia gola (ok... non erano proprio "il coccodrillo come fa, trallallero trallallà" ma perfino io riesco ad adeguarmi, to an extent ), le scorrazzate solitarie a visitare i pertugi della campagna britannica
- Davide ha buon gusto, ed è perfino furbo. Gemma è bellissima. Minuta, brunetta, con gli occhi che brillano quando ride e il sorriso sempre pronto, anche con gli estranei. In più abita in villa antica in quartiere chic con, scopro dalla tata, piscina indoor (ebbravo Davide!!!)
- la gente senza senso dell'umorismo la trovi ovunque (1)
- non conosco a memoria le parole di "questo è il ballo del quack quack", nè, peggio ancora, i gesti e gli ancheggiamenti che dovrebbero accompagnarlo
- i padri cominciano a non vergognarsi più di andare con i propri figli (senza madri) alle gite scolastiche (bella davvero questa cosa)
- esistono ancora madri che durante una gita ad una fattoria mentre il figlio raccoglie da terra il fieno per darlo con manina titubante alla mucca gli urlano "smettila che così ti sporchi tutto"
- per quello che ho potuto vedere io (lasciando da parte le implicazioni socio-psicologiche) che io ci fossi o non ci fossi stata a questa gita, era istess. Giacono e Davide sono perfettamente felici e a loro agio con il loro amichetti.
- se non fossi stata con loro a questa gita, per me non sarebbe stato istess.


(1) Dopo pranzo, tutti in fila per il giro sul cavallo. Più di 100 bambini. Un cavallo.
Due bambini per volta vengono messi sul cavallo, fanno il giro del cortile, i genitori fanno la foto (ooopsss.... ho dimenticato la macchina fotografica), i bimbi vengono scaricati dal cavallo, altri due vengono issati e si ricomincia.
Noi aspettiamo.
Sotto la pioggia.
Io, dopo 45 minuti di attesa, guardando più della metà dei bimbi, ormai trasformatisi in mocciosi spazientiti, e dopo aver risposto almeno 15 volte ai miei (con garbo... certo con garbo... in fondo potrei essere in ufficio invece che qui, no?) che si, fra poco tocca a loro, dico: "non potrebbero far andare il cavallo al galoppo?".
Una madre mi guarda inorridita!!!: "ma sei pazza? E se cadono?"

Comments:

Post a Comment

This page is powered by Blogger. Isn't yours?