<$BlogRSDURL$>

Sunday, March 25, 2007

Non so cosa sia la mattina, ma succede sempre così.
I bimbi si alzano alle 7.30 e dalle 7.30 alle 7.55 son capaci di
1. tornare in vita
2. mettersi la vestaglia
3. salutare con il sorriso (è un dono dal cielo per me avere bambini allegri anche al mattino)
4. fare colazione
5. scegliersi i vestiti
6. infilarsi i vestiti.

In 20-25 minuti son capaci di fare tutto questo, perlopiù da soli.

Alle 755 gli manca solo
1. lavarsi i denti
2. mettersi le scarpe
3. mettersi il grembiule.

Non riusciamo mai ad uscire prima delle 8.20.
Ora qualcuno mi spieghi cosa diavolo succede alle 7.55 che li rallenta così.

Comunque, a prescindere da questo grande mistero, ce n'è uno ancora più misterioso.
Che sarebbe come sia mai possibile che tra tutti e 5 riusciamo a ricordarci della merenda solo sulla porta di casa, immancabilmente ogni mattina da quasi due anni.

E siccome io, come dice Philip, son una che quando vede un problema non fa finta di niente ma cerca di affrontarlo, ho ceduto anch'io alla facilità di avere le merendine a portata di mano, da agguantare col piede destro mentre l'altro chiude casa.

Son sempre stata fiera del fatto che i miei bimbi facessero merenda solo a pane e marmellata o a frutta. Ma di fronte all'evidenza del mistero delle 755 e dell'equazione tempo spalmamento di marmellata disuguale a tempo di affondo nella scatola delle merendine, ho rinnegato me stessa. Diciamo circa 8 mesi fa.

Ecco, torno sui miei passi, adesso.

Comments:

Post a Comment

This page is powered by Blogger. Isn't yours?