<$BlogRSDURL$>

Sunday, September 21, 2008

Ripeto storia mentre l'altro vuole leggermi la brutta del tema. Buono e silenzioso si mette in fila e aspetta il suo turno. Lo guardo e vorrei essere due, perchè il tempo è prezioso e mi si stringe il cuore a vedere un bimbo costretto a sprecarne. Marta è stata scaricata dall'amichetta per la ricerca di scienze. Vai a capire dove stia l'impiccio, chi abbia detto la parola sbagliata, io non c'ero santa pace e sono un disastro in questi battibecchi di bambine. Vado subito in panico, forse perchè mi ricordano tanto il disagio mio da piccola che volevo essere amica di tutti e mai riuscivo a stare nel gruppetto giusto. Sdrammatizzare queste cose non è mai stato il mio forte. C'è da mettere a posto e fare spazio per i nuovi libri e le domande questo ti serve ancora? si intrecciano alla storia delle fonti, agli archeologi, al predicato nominale e verbale. Non la sai, torna a leggerla e vienimela a raccontare quando la sai. E si, mamma non ho pantaloni lunghi, ok, facciamo il cambio dell'armadio e questo sacco ora va per i poveri e questo per l'amica che scelga se qualcosa le piace per sua figlia e adesso il corridoio è una sfilza di sacchi che a male pena si cammina. E gli ometti della lavanderia che non si capisce come di stagione in stagione si moltiplicano nell'armadio e poi quando li vuoi tirare fuori per buttarli via sembran fatti apposta per agganciarsi l'uno all'altro senza rimedio in un gomitolo di metallo che ti fa saltare i nervi. Le piantine della nuova casa stanno vicino alla finestra in cucina, bisogna decidere dove sta la cucina e dove la sala mentre il dubbio ti assale se starai facendo la cosa giusta, non a decidere se meglio la vista della valle dalla cucina o dalla sala, ma la vista della valle in genere. Devo assolutamente ricordarmi di firmare il consenso alla gita di inizio anno prima di andare a letto. 24 euro a testa, santo cielo è meglio non fermarsi a pensare, 50 euro di botto. I pensieri poi corrono seguendo strade che portano su e giù per il paese e marcano con una puntina come nei film dei detective dove c'è preoccupazione e dolore e ogni preoccupazione si riflette nella tua storia perchè a 40 anni abbiamo tutti già vissuto abbastanza da sapere che in un modo o nell'altro non siamo immuni e che gli stessi dolori e preoccupazioni si presentano a ciacuno, solo con vestiti diversi. Trilli ha una specie di crosticina sotto il pelo. Se fosse un figlio penserei alla psoriasi ma è un gatto e chissà cos'è nei gatti. Domani devo ricordarmi di chiamare il veterinario e già che ci sono a ricordarmi, devo ricordarmi anche di chiamare il tecnico della caldaia chè qui l'acqua calda da venerdì è un terno al lotto.
Domani ricomincia il lavoro e mi ronza la testa perchè non so da che parte cominciare. C'è una parte organizzativa che deve andare avanti come una macchina da guerra e un'altra strategica che crea pensieri che si suppone siano creativi e l'agire per l'una e per l'altra deve per forza andare in parallelo. A me tutte 'ste righe parallele fanno andare insieme la vista e mi danno anche un po' d'angoscia chè mi sembra si moltiplichino all'infinito tipo film di Hitchcok.

E' una di quelle sere che mi chiedo se ce la farò mai a tenere tutto insieme.
Ecco.

Comments:

Post a Comment

This page is powered by Blogger. Isn't yours?